4 – Comincia la discesa

La quarta giornata comincia di buon’ora, con il sole che sorge e la bellissima Alghero che si sveglia. La crew è pronta per la partenza, la giornata è quella che segna l’inizio della nostra ridiscesa: ci aspetta un percorso fantastico nella natura.
Durante il viaggio facciamo un bilancio degli incontri fatti durante il percorso: qualcosa sta cambiando, il veicolo elettrico e la mobilità sostenibile non sono più concetti lontani, mancano solo le strutture per renderla una scelta alla portata di tutti.

ucnet_eneroad_tappa_04_01

Attraversiamo la Sardegna in diagonale, la nostra destinazione è Bari Sardo.
Scegliamo un percorso tortuoso, immergendoci completamente nella natura. Arriviamo fino al lago Bau Muggeris, il percorso è impervio ma ne vale la pena. La tesla scorre silenziosa e costeggia il lago, ci siamo solo noi e la natura.

ucnet_eneroad_tappa_04_03

Mentre ci attardiamo per godere al meglio dei paesaggi, la crew Eneroad, in compagnia di Christian di EvWay, ci precedono nella nostra prima tappa e predispongono la stazione di ricarica.

ucnet_eneroad_tappa_04_04

Arriviamo alla Torre di Bari all’ora di pranzo, visitiamo il Domus de Janas Beach Resort e conosciamo la famiglia Amaduzzi che da circa dieci anni gestisce un albergo ecosostenibile, certificato ecolabel UE. Una scelta portata avanti a tutto tondo: attenzione ai consumi, ai riusi e al risparmio energetico: gli elettrodomestici scelti sono di fascia alta, il parcheggio è ombreggiato da una tettoia fotovoltaica, il sistema solare termico offre acqua calda a tutto il resort e sono promosse buone pratiche per il risparmio dell’acqua da parte dei clienti.

ucnet_eneroad_tappa_04_05

In cucina si cerca di privilegiare i prodotti a km 0 e i servizi del territorio, i rifiuti sono differenziati da personale e ospiti e i contenitori sono parte dell’arredamento e non qualcosa da nascondere o isolare.
Approfittiamo dell’ospitalità e pranziamo in giardino all’ombra di una pergola realizzata con le viti.

ucnet_eneroad_tappa_04_07

Nel pomeriggio arriviamo all’Arbatax Park Resort che sorge sull’estremità della penisola di Capo Bellavista e si estende per 60 ettari: è l’unico resort ad avere al suo interno un grande parco naturalistico che ospita piante ed animali tipici della flora e della fauna sarda.
Al nostro arrivo struttura e ospiti ci accolgono con grande interesse. Per prima cosa visitiamo il parco naturalistico Bellavista con Giorgio Mazzella, proprietario, che ci fa da Cicerone. Ci addentriamo con lui nella flora del parco seguendo uno dei percorsi panoramici e ci fanno compagnia mufloni, cinghiali, cavallini, asini, pecore e il gallo che è diventato il testimonial del parco.

ucnet_eneroad_tappa_04_08

All’interno del Resort, sono tanti i veicoli elettrici che aiutano i vacanzieri a muoversi per il resort e per il parco, gli impianti fotovoltaici forniscono parte dell’energia necessaria e il solare termico offre acqua calda sanitaria per tutto il resort.
La serata si conclude sulla terrazza panoramica, con un aperitivo per parlare insieme agli ospiti del progetto e di mobilità sostenibile.

Segui il video diario di bordo su Facebook e su YouTube.

Recommend
  • Facebook
  • Twitter
  • Google +
  • LinkedIN
  • Pinterest
Share
Tagged in